Lumacature

PROBLEMA: Il fenomeno consiste nella formazione di lunghe colature verticali biancastre, opalescenti o traslucide che conferiscono alle facciate appena verniciate un aspetto sgradevole (effetto “scìa di lumaca”). Il fenomeno si verifica principalmente in autunno e in primavera, a causa di forte umidità notturna, escusioni temiche e/o nebbia, fenomeni questi che sciolgono alcuni additivi (bagnanti e coalescenti) presenti nella pittura non ancora essiccata. In sostanza si tratta di accumulo di additivi che in condizioni sfavorevoli non evaporano come dovrebbero e provocano il fenomeno.

 

SOLUZIONE:

Il problema è solo estetico e può essere risolto in vari modi. Normalmente sono gli stessi agenti atmosferici a rimuovere lentamente le lumacature. Ma si può anche intervenire con getti d’acqua nebulizzata o attendere che sia la pioggia a dilavare questi accumuli di additivi.

Aggiungiamo che la pitturazione della facciata non subirà alcun danno da queste operazioni poiché gli additivi  che causano il problema hanno esaurito il loro compito una volta che la pittura è essiccata.

Alghe e Muschio

 PROBLEMA: Il fenomeno, causato da condizioni climatiche particolari (caldo-umido) specie su muri esposti a nord ma anche dall’inquinamento atmosferico, si manifesta con la formazione di aloni polverulenti verdi o neri, è dovuto alla proliferazione sui muri di micro-organismi vegetali  si sviluppano in colonie che via-via proliferano e si radicano corrodendo il supporto.

SOLUZIONE: Per risanare gli intonaci infestati da alghe e muschio e per evitare che il fenomeno si ripresenti consigliamo di bonificare il muro con BIOATTIVA SOLUZIONE, lasciandola agire per 12-24 ore, pulire il muro con acqua e candeggina, quindi applicare una mano di isolante specifico antimuffa BIOFIX, infine applicare due mani di pittura al quarzo antialga MEDITERRANEO Bioattivo a base di biocidi ad ampio spettro di azione e a bassa tossicità per i vertebrati.